Vino

E una questione di luce…
e anche di gusti.

Questa settimana non avevo la più pallida idea di cosa parlare e nell’indecisione mi sono messo a scorrere la lista dei film da vedere, che ho aggiornato qualche settimana fa con i consigli di un mio caro amico sui film presenti su Netflix (grazie Emiliano).
Scorrendo la lista mi è caduto l’occhio su un titolo del 2006 di Ridley Scott, A good Year – Un’ottima annata, e mi è venuto in mente che nella settimana che è appena passata c’è stata la prima edizione della Milano Wine Week. E allora perché non parlare di una delle bevande più amate in assoluto: il VINO!

Questo nettare sublime è semplicemente incapace di mentire. Il vino ti bisbiglierà in bocca sempre con completa e imperturbabile onestà ogni volta che ne berrai un sorso.

Con le parole dello zio Henry si conclude la partita a scacchi contro un giovane e non molto onesto Russel Crowe e si apre la pellicola appena menzionata del regista britannico.
Un film in cui c’è un continuo gioco tra presente e passato, tra i ritmi frenetici dei broker di Londra e quelli distesi della soleggiata Provenza. Un film che ho trovato molto interessante perché fa riflettere su quanto siamo sempre di corsa, alla ricerca del cambiamento continuo, abbiamo fretta di arrivare e una volta che siamo arrivati abbiamo fretta di andare via, guardiamo sempre al futuro perdendoci il meglio del presente.

Ed è proprio durante questo percorso che Russel Crowe ritrova se stesso grazie a ritmi blandi della campagna francese e al vino che accompagna ogni ricordo del suo vecchio zio. Vino e ricordi.

Tutti abbiamo uno o più ricordi speciali legati ad un calice di vino. Una grigliata tra amici, a tavola con la famiglia o un brindisi speciale con la nostra dolce metà.

Il primo brindisi

Esperienze che sono impresse nella nostra mente e difficilmente andranno via. Come il giorno del nostro matrimonio, quando di brindisi ne abbiamo fatti un bel po’, con amici e parenti. Il vino ha accompagnato noi e gli invitati durante la cena, aiutando a sciogliere le tensioni accumulate durante i preparativi e i freni inibitori, regalando momenti indimenticabili.

Un’altra esperienza legata al vino e degna di nota è sicuramente quella che abbiamo fatto a Lisbona lo scorso marzo. Un’esperienza culinaria che abbiamo condiviso con due coppie statunitensi e una coppia londinese. Ruthy e suo marito (a quest’ora dovrebbero essere sposati visto che stavano ultimando i preparativi del loro matrimonio) ci hanno guidato per le vie di Alfama in un allegro pomeriggio intervallato da diverse degustazioni in piccole botteghe con ottimi vini locali. Ed è qui che abbiamo avuto il piacere di scoprire il Vinho Verde, un vino bianco e giovane che ci ha accompagnato durante la nostra breve permanenza nella meravigliosa capitale portoghese.

Che sia bianco, rosso o rosato, tutti abbiamo esperienze legate ad una bottiglia in particolare. Come quella  nella foto, in un piccolo bistrot nella città vecchia a Nizza, illuminata da una candela e in attesa di un nuovo brindisi.

Saper cambiare restando se stessi, guardare al futuro senza smarrire il filo che ci unisce al passato.

Vieille ville, lumière et vin

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *